2 commenti

  1. Amaranth

    Avevo scritto un lunghissimo (che novità, eh?) e sentito commento, ma un calo di connessione l’ha inghiottito. Immagino che tu abbia già un’idea di quello che penso.
    Intanto vorrei chiarire due punti. Mi dispiace deluderti, ma anche se non ti seguo da moltissimo, non credo che sia possibile considerare il tuo blog sterile, anche soltanto considerando le recensioni. E sì, esistono recensioni sterili, ma non sono le tue.
    In secondo luogo, hai davvero portato qualcosa di nuovo nella blogosfera: sono pochi i blogger che cercano di sperimentare nuove vie per coinvolgere davvero nella lettura e soprattutto che offrano spunti interessanti come tu, invece, fai.
    Apprezzo i post come questo perché è reale e sentito. In un ambiente come il nostro è difficile non sentire la pressione a mantenere determinati ritmi e a seguire tendenze che sembrano piacere a tutti (e in fondo non piacciono a noi). Riflessioni pubbliche come queste servono a tutti e soprattutto a chi le scrive perché sono un’occasione di maturazione: hai la possibilità di renderti conto che puoi seguire la strada che ti piace di più. Vai avanti.
    E ti dirò: pdf, file e approfondimenti non sono idee così balzane e non sono lontane dalla natura del tuo blog. Prenditi il tempo che ti serve per realizzare contenuti che ti soddisfino e soprattutto per fare quello che vuoi davvero.
    Rivoluziona: per quanto mi riguarda, sarò felice di trovare entusiasmo, passione e gioia. ♥

    • Sofia

      Carissima Amaranth, come posso non amarti e ringraziarti di tutto cuore? Questo tuo commento è come una luce calda e non so fare altro che ringraziarti per averlo scritto. Sono onorata dell’opinione che hai di me e del mio lavoro, e spero solo di essere all’altezza delle tue aspettative. Ti mando un lunghissimo abbraccio, per ricambiare il lunghissimo commento perduto. E grazie ancora, per esserci ♥

Rispondi